Temporary Management - Domoexport
Temporary Export Manager

Temporary Management

Affida la gestione dell’internazionalizzazione a manager altamente preparati.

Rivolgersi ad un TEM (Temporary Export Manager) significa affidare la gestione del progetto di internazionalizzazione a un professionista altamente specializzato e motivato.

Il TEM rappresenta, infatti, quella figura esterna con le competenze necessarie nella realizzazione di un  progetto di sviluppo all’estero.

Quando si intende entrare nella competizione internazionale, la volontà da sola non basta. Se non si può contare su professionisti specializzati di alto livello, dalle doti commerciali di indiscussa qualità, le difficoltà che si possono incontrare potrebbero rivelarsi insormontabili. Meglio affidarsi a chi sa misurarsi con queste problematiche ogni giorno.

Per portare al successo internazionalela tua azienda, niente può aiutarti più dell’affiancamento a professionisti capaci

export manager

Quali competenze ha un buon Export Manager?

Le caratteristiche di un buon TEM (Temporary Export Manager) sono:

  • Conoscenza delle lingue nel Paese di riferimento
  • Conoscenza del settore merceologico
  • Attitudine alle relazioni interpersonali
  • Capacità di sviluppare una entry market strategy definita
  • Networking e progettualità

Come opera il Temporary Export Manager?

Se l’obiettivo del Temporary Export Manager è quello di avvicinare la PMI ai mercati esteri, questo compito non può prescindere dallo studio, sviluppo e attuazione di una strategia di qualità.

La sua è un’attività è molto articolata e non può essere certo racchiusa nell’elementare servizio di vendita di prodotti e servizi oltre i confini della Patria: il Temporary Export Manager si occupa piuttosto di delineare le linee guida affinchè l’azienda affermi la propria presenza attraverso azioni che coinvolgono diverse aree aziendali (marketing, commerciale, legale e logistica).

Una volta selezionati i mercati target, il Temporary Export manager effettua uno studio della struttura distributiva, della situazione della concorrenza e delle esigenze in termini di standard di prodotto o servizio e valuta l’aspetto del pricing, ovvero la determinazione del prezzo finale a cui proporre il prodotto sul mercato. Dopodichè, inizia il lavoro di selezione e ricerca di potenziali clienti o degli agenti che, a loro volta, promuoveranno l’ingresso nel nuovo mercato.

Specialmente nel caso della ricerca degli agenti, al TEM servirà una capacità simile è quella di un’agenzia di selezione per valutare le competenze e la motivazione dell’agente.

Il Temporary Export Manager nelle aziende italiane

Chiamarlo anche “addetto alle esportazioni” sarebbe riduttivo.

Che sia un ruolo sempre più richiesto data la necessità di maggiore flessibilità del lavoro nelle aziende nazionali, lo dimostrano i recenti dati di Bankitalia sull’economia italiana: nel secondo trimestre, in mezzo a una serie scoraggiante di dati negativi, l’unico valore positivo che risalta è quello della voce sulle “Esportazioni di beni e servizi” (+2,4%).

La stessa voce non va in rosso da circa 3 anni. Un trend di crescita inarrestabile, dunque!

E se è vero che in economia sono i numeri a parlare, essi ci stanno cercando di dire sostanzialmente una cosa: le imprese che non sentono la crisi e continuano a funzionare sono specialmente quelle che vendono fuori confine.

Ecco perché la figura del Temporary Export Manager, in un momento di congiuntura economica in cui la crisi ha determinato un forte calo della domanda, e in cui sono le esportazioni ad avere un ruolo trainante, è sempre più richiesta.

Vuoi esportare
i tuoi prodotti/servizi?

Contattaci gratuitamente per scoprire i dettagli di ogni nostro servizio e definire la migliore strategia per lo sviluppo all’estero del tuo prodotto o servizio

Richiedi informazioni su tutto ciò che possiamo fare per la tua azienda